Fedde Le Grand è un’istituzione della musica elettronica: anni di esperienza alle spalle e tante hits pubblicate. Vogliamo citarne una? Il remix storico di “Love Never Felt so Good” della leggenda Michael Jackson. Tra i tanti successi ottenuti nella sua carriera, Fedde Le Grand ha da poco registrato il duecentesimo episodio del suo radioshow Darklight Sessions. Questa è la nostra intervista a Fedde Le Grand!

-Hai rilasciato il 200esimo episodio del tuo radioshow Darklight Sessions, un altro importante traguardo nella tua carriera: che significato ha per te questo traguardo?
E’ davvero fantastico avere una piattaforma che consente di rilasciare musica e restituirla ai fans. Onestamente se non fosse stato per loro non sarei in questa posizione quindi voglio ringraziare tutti i miei fans! Da quando tutto è iniziato quattro anni fa è stato un piacere fornire ai miei ascoltatori nuova musica di diversi generi su base settimanale. Voglio anche ringraziare tutti gli amici che mi hanno girato musica da suonare nello show come Tiesto, Afrojack, Axwell, Dada Life, Benny Benassi, Umek, Eric Pryde e molti molti altri. Sono davvero entusiasta e continuerò il radioshow per molti altri anni!

-Sono trascorsi 10 anni da quando hai rilasciato “Put Your Hands Up For Detroit”, pensieri a riguardo?
Inizialmente non volevo rilasciarla! Mi hanno convinto alcuni amici a pubblicarla e sono davvero contento ci siano riusciti. Ha avuto un grandissimo successo quando uscì su Flamingo. Era un periodo in cui la musica dance non raggiungeva praticamente mai la Top40 quindi fui molto onorato nell’essere stato tra i primi a farlo. Inoltre la richiesta ancora molto elevata di questa traccia dimostra quanto una traccia dance può “durare” nel tempo.

-Qual è la tua collaborazione preferita?
Onestamente non ne saprei scegliere una siccome ne ho davvero di belle nel mio nuovo album. Tutte, incluse quelle con Merk & Kremont, Holl & Rush, Cobra Effect, MoZella, Jonathan Mendelsohn, Erene, Espa, Jared Lee, Denny White, e Kepler sono state davvero belle. Mi piace davvero molto collaborare e vedere come ognuno porta qualcosa di differente nello studio. Posso però spoilerarvi qualcosa di cui sono molto eccitato: sto lavorando ad una collaborazione con Ida Corr!

-C’è qualcosa che fai prima dei tuoi sets? Riti scaramantici?
L’unica cosa che è davvero obbligatoria è dedicare 30 minuti a me stesso prima del set. Mi piace molto entrare nell’atmosfera, focalizzarmi sulla gente. Questo per me fa davvero la differenza!

-Qual è il miglior suggerimento che ti è stato dato?
Concentrati su te stesso perchè le tue azioni sono le uniche che controlli.

-Il tuo album ‘Something Real’ è stato uno dei più acclamati quest’anno nella scena elettronica. Stai programmando di rilasciare altra musica?
Sto lavorando ad una nuova traccia con Ida Corr e ne sono davvero entusiasta. Ci sono anche altre tracce di cui vado assolutamente pazzo, ho “toccato” qualcosa di giusto nel processo di creazione del mio album e non riesco a fermarmi, traccia dopo traccia. Voglio anche pubblicare alcuni remix fantastici nel mio album quindi non sono sicuro al 100% di cose riuscirò a pubblicare. 

-Recentemente hai suonato al Nameless Festival in Italia: cosa ti piace della nostra nazione?
L’Italia è una nazione fantastica per la cultura e la storia. Il cibo è sempre buonissimo e i fans sono davvero simpatici. Ma la cosa migliore è che la scena elettronica qui è sempre molto ben promettente, è una nazione che non perde mai il suo fascino nel settore musicale. Mi sono divertito davvero molto al Nameless e la gente sembrerebbe pensarla come me!

-Il tuo DJ italiano preferito?
Ho fatto una collaborazione con Merk & Kremont e dato il duro lavoro in questo anno direi che sono loro i miei preferiti. Il mio preferito di sempre è però Benny Benassi e non solo perchè è un amico ma anche perchè mi ha ispirato davvero molto in questo settore. Anche EDX e Giorgio Moroder meritano davvero tanto.

Ringraziamo Fedde Le Grand per la disponibilità 

ti potrebbero interessare

Fedde Le Grand sotto i riflettori: questa è la nostra intervista!