Gli Showtek nel corso degli anni hanno accumulato hits su hits: Booyah, Cannonball, Sun Goes Down, Bad, How We Do per nominarne qualcuna. Partiti con un sound hardstyle, il duo olandese composto dai fratelli Sjoerd e Wouter Janssen ha poi virato su sonorità più mainstream, ritagliandosi una nicchia proprio grazie al loro sound. Dal 2014 sono anche label-owners della loro etichetta discografica: Skink Records. Questa è la mostra intervista esclusiva!

-Avete da poco rilasciato Believer con Major Lazer: raccontateci come è nata questa collaborazione!
Siamo grandi fan dei Major Lazer e del sound di Diplo da molti anni. Dopo aver rilasciato la nostra traccia Booyah, volevano collaborare con noi. I Major Lazer hanno trovato questa canzone da un collettivo in Trinidad chiamato Freetown e abbiamo deciso di provare a farne una versione “festival”. Ha un messaggio molto positivo ed abbiamo cercato di trasmetterlo nella traccia.

-Cosa fate prima dei vostri energetici set? Avete un “rito scaramantico”?
Ci assicuriamo di non suonare mai lo stesso set altrimenti sarebbe noioso per noi e per i nostri fans. Prima di ogni set ci sediamo insieme per discutere della tracklist, andiamo a cena e cerchiamo di rilassarci prima dello show.

-Qual è il miglior consiglio che vi è stato dato?
Può sembrare un cliche ma è fondamentale credere in se stessi. Se credi in te stesso e lavori sodo per raggiungere i tuoi obiettivi è incredibile quello che potrai ottenere. Sta a te: sei un follower o un leader? Se segui la massa non sarai mai innovativo.

-Quali sono i vostri artisti italiani preferiti?
Technoboy & Tuneboy! Antonio e Chris sono stati la nostra ispirazione quando producevamo hardstyle ed anche se ci siamo reinventati questi ragazzi restano i nostri eroi. Siamo ancora amici!

-Cosa ne pensate della TOP100?
Non abbiamo mai puntato ad essere i primi al mondo. Non eravamo nemmeno djs quando iniziammo a produrre, successe 3 anni dopo. Ad essere onesti non ci interesse se la gente vota per noi o meno, siamo soddisfatti quando ascoltiamo la nostra musica in radio e quando i ragazzi urlano sulle nostre tracce. Un numero non può farci più felici! In 20 anni nessuno ricorderà chi era in quale lista: l’unica cosa che ricorderanno sarà la nostra musica. Questo è tutto quello che conta!

Ringraziamo Showtek per la disponibilità 

ti potrebbero interessare

Showtek: la nostra intervista