Afrojack è semplicemente uno dei DJ più famosi e di successo di sempre: hits su hits, tour infiniti e milioni di fans in tutto il mondo. Unico DJ al mondo ad aver suonato la campana di chiusura della NASDAQ a New York e secondo dj (dopo David Guetta) ad aver lasciato l’impronta delle sue mani nella famigerata Walk of Fame di Hollywood. Ad Afrojack va anche il record “dell’altezza” nel panorama EDM: ben 2 metri e 8 centimetri d’altezza lo rendono uno dei DJ più alti in assoluto. Che altro aggiungere? Scopriamo di più con la nostra intervista!

-Diamonds è uno dei tuoi ultimi successi: come è nata?
Quando ero piccolo ballavo brake dance e mi piaceva molto la scena hip hop quindi produrre una traccia trap con Jay Caroma era una grande possibilità per vedere la risposta del pubblico.

-La scena EDM sembra diventare sempre più pop e meno “electro”. Cosa ne pensi di questa transizione?
Non credo che la scena diventi pop. Dovremmo considerare che alcune tracce EDM sono allineate con il pop ed alcune tracce Pop non sono EDM solo perché contengono suoni EDM.
Pensa a “Don’t Let Me Down” dei Chainsmokers: non sarebbe stata considerata EDM senza il successo nelle charts. Dovremmo essere fieri che la nostra musica venga considerata pop music perché pop significa semplicemente popolare, non musica scadente. A volte la gente chiama pop music la musica scadente ma non è cosi: è popolare. Quello che sta cambiando è la percezione della gente: a volte si considera EDM ciò che semplicemente non lo è e viceversa.

-Dalle tue prossime release possiamo aspettarci qualcosa Progressive come “Ten Feet Tall” o qualcosa di più “forte” come Diamonds?
Ten Feet Tall è un caso particolare perchè se guardi la mia discografia noterai che in ogni traccia ho inserito qualcosa di nuovo, qualcosa in più. Quindi non farò tracce “come X”, ma farò musica sempre nuova.

-Quali sono gli artisti che dovremmo tenere d’occhio?
D-Wayne! La sua musica è fantastica, suono diverse sue tracce nel mio set! Anche Ravitez è molto forte: dategli un ascolto!

-Hai tante collaborazioni all’attivo con artisti talentuosi: qual è la tua collaborazione preferita?
La mia preferita è…il mio prossimo singolo, che uscirà il prossimo mese! Aspettatevi tanta nuova musica: dall’hip hop alla future bass!

-Che DAW usi per produrre? E quale VST preferisci?
FL Studio e Nexus tutta la vita!

 

Ringraziamo Afrojack per la disponibilità

ti potrebbero interessare

Afrojack sotto i riflettori: ecco la nostra intervista!